2. Stemmi Personali


UNO STEMMA PER TUTTI

stemma_araldico_scudi_accollati_

Tutti, Nobili e Non Nobili, possono possedere uno Stemma Araldico che si compone essenzialmente di uno Scudo al cui interno vi sono le Figure Araldiche che distinguono una Famiglia da un’altra.

PROGETTAZIONE e REALIZZAZIONE EX NOVO di Stemmi Araldici Personali (detti impropriamente Borghesi) disegnati a mano e successivamente rielaborati e Computer per essere salvati in 4 diversi tipi di formato grafico, da utilizzare per:

1) per biglietti da visita, carta intestata, adesivi, anelli chevalier, timbri, sigilli, brochure, depliant, siti web, ecc.
2) una successiva Colorazione a Computer
3) come base per la realizzazione di un Dipinto a Olio su Tela.

Le Fasi del Lavoro sono le seguenti:

– Consulenza per la Progettazione dello Stemma
– Creazione dello Stemma disegnato a mano, quindi rifinito a Computer
– Invio via mail della prima bozza del Lavoro
– Approvata la bozza, si realizzano le modifiche fino ad arrivare all’approvazione finale del Disegno.

SPEDIZIONE Via Mail per gli Stemmi realizzati a Computer e Tramite Corriere UPS per gli Stemmi dipinti a Olio.

GUIDE DI RIFERIMENTO: Per vedere quali Libri e Manuali Araldici utilizziamo per seguire le Regole Araldiche seguite questo link.

RICHIEDI un PREVENTIVO seguendo questo link.


VEDIAMO NEL DETTAGLIO COME SI PROGETTA UNO STEMMA PERSONALE:

 

LO SCUDO E LE FIGURE INTERNE:

campoLo Scudo è la parte principale di ogni stemma e deve sempre stare al centro della composizione. In aggiunta si possono inserire una Pergamena e altri Ornamenti Esterni.

La Parte Interna dello Scudo si chiama Campo e questo può essere riempito senza essere diviso, oppure essere suddiviso in più parti.

Prima di decidere quali Figure volete inserire, dovete scegliere la Forma dello Scudo (cliccate qui) e se dividere la parte interna oppure no (cliccate qui). In entrambi i casi dovete anche valutare la miglior Posizione delle Figure all’interno dello Scudo (cliccate qui).

varie_clienti

Cliccate sull’Immagine per maggiori informazioni su forme degli scudi e posizione delle figure


TIPO DI FIGURE:

Le Figure devono raccontare graficamente la vostra storia, le aspirazioni, le qualità , gli ideali, le Tradizioni vostre e della vostra Famiglia o del suo Capostipite.

disegni_araldica_6Potete scegliere le Figure rifacendovi alla vostra storia di famiglia, alle vostre “imprese” personali, al vostro mestiere, a un soprannome, alle vostre ambizioni, a una caratteristica fisica, a quelle che considerate le vostre qualità, alla vostra terra natia, ecc. Potete creare anche un’arma parlante o alludente usando una figura che rappresenti il vostro cognome (per esempio vi chiamate Gatto, Croce, ecc.) oppure si richiami a esso (5 spighe per il cognome Campi, ecc.) .

Ricordatevi che ogni Figura Araldica ha sia un significato reale che uno storico – simbolico, per cui documentatevi e decidete se un Grifone o un Unicorno definiscono davvero le vostre ambizioni o qualità.

ELEMENTI ESTERNI VIETATI E CONSENTITI
Di base lo Scudo presenta una Pergamena per il Motto o il Nome di Famiglia, ma può presentare anche altri Elementi Esterni. In passato elementi esterni come Corone, Elmi con collare (posti in determinate posizioni), Galeri, Trofei d’Armi, Decorazioni Cavalleresche, Capi (concessioni o benemerenze), Scudetti di altre famiglie all’interno del proprio scudo, Collari e Croci accollate allo Scudo (rappresentanti particolari dignità di alcuni Ordini Cavallereschi), Manti, servivano a indicare le Imprese del Capofamiglia e la sua Classe Sociale in modo da distinguere, a vista, lo Scudo di un Nobile, da quello di Ecclesiastico, di un Ordine Religioso, di una Città, di un Cavaliere o di una Famiglia Non Nobile distintasi per meriti particolari.

Gli Stemmi Personali, non possono quindi fregiarsi di tutti quegli Ornamenti Esterni specifici degli Stemmi Nobiliari, Civici, Militari e Religiosi, come le Corone, il Galero, gli Elmi d Nobile, ecc.

stemma_araldico_cavaliere_repubblica_ordine_vittorio_venetoL’ELMO: in Italia venne concesso di timbrare gli Stemmi dei Non Nobili con uno speciale Elmo, solo in caso di comprovata Distinta Civiltà, cioè solo in quei casi in cui era possibile dimostrare di avere particolari requisiti, ovvero: possedere uno stemma da oltre cento anni, tramite documenti e rappresentazioni su monumenti pubblici, edifici di famiglia, oggetti, essersi distinti per censo, ceto e cariche ricoperte, non aver esercitato Arti Meccaniche per almeno tre generazioni, ecc.

Con l’abolizione della Consulta Araldica (che è durata dal cioè dal 1869 al 1948) non esiste più un ente che possa vigilare e aggiornare le regole alla vita moderna. L’uso dell’Elmo in uno Stemma Non Nobiliare deve comunque corrispondere a una esigenza che abbia delle motivazioni, di conseguenza vi sono diverse soluzioni da prendere in esame:

1) in caso di recupero di uno Stemma di Distinta Civiltà si può usare il particolare Elmo prescritto dall’ultimo Regolamento vigente. Abolito il Regno il Regno in favore della Repubblica non è stato infatti più possibile registrare nuovi Stemmi Nobiliari, ma neanche di Distinta Civiltà o di Cittadiananza.

2) la creazione di uno stemma appartenete a un membro di un’Ordine Cavalleresco, ancora operante, che possa fregiarsi del titolo di Cavaliere con annessa onorificenza.

3) la creazione di uno stemma in stile medievale con elmo a becco di passero e scudo inclinato, oppure rinascimentale per coloro che si dedicano con passione e serietà alla Rievocazione storica.

4) Elmetti militari per coloro che effettivamente prestano servizio nelle varie sezioni dell’esercito.

CIMIERO: Al posto dell’Elmo si può scegliere un Cimiero o un ornamento esterno da mettere al posto dell’Elmo.

CORNICI BAROCCHE, SOSTEGNI E TENENTI: Gli Scudi possono essere sagomati, collocati all’interno di cornici barocche, oppure essere sorretti da Figure Esterne dette Sostegni (o Tenenti). Quest’ultime non sono assolutamente obbligatorie e servono più che altro per inserire figure secondarie che non entrano nella composizione interna dello scudo, ma sono comunque importanti a livello personale e delle quali non si vuole fare a meno. Dato che l’uso dei Sostegni deriva dall’Araldica Inglese, dove vengono usati solamente dalle Famiglie Nobili più importanti, il loro utilizzo deve avere valide motivazioni personali.

Linee Guida - Stemma Borghese

I LIMITI DEL BUON GUSTO:
Anche se la Consulta Araldica del Regno d’Italia non esiste più e quindi non può vigilare sulle Regole Araldiche, si cerca comunque di utilizzarle anche oggi, come linee guida.

disegni_araldica_3Il fatto che non esista più un organo di vigilanza, capace anche di aggiornare le vecchie regole, porta molti a forzarle. In questo caso è necessario sapersi dare dei limiti e cercare di non eccedere appellandosi al propio senso etico ed estetico. Non si possono accettare richieste impossibili come aggiungere una corona da nobile, un capo imperiale, se la vostra famiglia non è Nobile e non ha mai goduto di certe concessioni, in quanto si tratterebbe di compiere un falso storico, allo stesso modo è meglio evitare di caricare eccessivamente lo Scudo di figure interne (ed esterne). Lo Scudo deve infatti risultare limpido, semplice, perfettamente leggibile a colpo d’occhio. Se lo si affolla con troppe immagini, diventerà caotico e pesante. In poche parole il vostro Stemma deve essere facile da “ricordare”.

Pensate agli Stemmi più antichi, come erano semplici e incisivi. Oppure immaginate il vostro Stemma su un Anello. Riuscite a capire l’immagine impressa sopra?

IL MOTTO:
Un motto deve essere una massima concisa, una sintesi del proprio credo personale o degli ideali che guidano la propria famiglia. Può anche essere l’espressione sintetica di un evento che ha reso celebre la Famiglia.
La cosa migliore è creare un proprio motto ex novo, ma se ne può anche cercare uno già esistente, quando questo non sia specifico di una Famiglia, come, per esempio, una massima latina antica.
Per un fatto estetico e anche perchè un motto ha la forma di una breve sentenza, se lo si crea non dovrebbe superare le 3 parole (tra sostantivi, preposizioni, verbo e verbo essere sottinteso).

2 parole sarebbe la cosa migliore. Se si arriva a 3 dovrebbero essere comunque corte.
Ecco alcuni esempi e una pagina di Motti Araldici (Segui Link) da cui trarre ispirazione:
Ad infinitum – All’Infinito
Amor vincit omnia – L’amore vince tutto
Cum grano salis – Con un pizzico di sale, con un po’ di prudenza
A cruce salus – Dalla Croce la Salvezza
Acta non Verba – Fatti non parole

I COLORI:
I colori in araldica sono 7, con alcune aggiunte speciali (vedi Pagina sui colori). Hanno un significato simbolico e personale in base a cui vengono scelti, ma è comunque necessario conoscere la regola per combinarli correttamente insieme, ovvero la Regola di Contrasto dei Colori (clicca qui).

regola_di_contrasto_2

Cliccate sull’Immagine per maggiori informazioni sui colori e le loro regole

REGISTRAZIONE E SALVAGURDIA DELLO STEMMA

Coloro che desiderano salvaguardare legalmente il proprio stemma possono rivolgersi a un notaio oppure (alternativa più economica) utilizzare il timbro postale come convalida. Dato che in Italia gli Stemmi araldici personali vengono equiparati ai Marchi d’Impresa, se si vuole utilizzare il proprio stemma anche come logo di una associazione o di una azienda è necessario registrarlo all’Ufficio Brevetti e Marchi che ora rimanda all’EUIPO, Ufficio dell’Unione europea per la proprietà intellettuale.

Per Dovere di cronaca ricordo che se si vuole registrare un Nuovo Stemma di Famiglia Non Nobile con l’Elmo e le Piume per poter apparire in un Armoriale storico, come Famiglia di Distinta Civiltà, nella società contemporanea esistono delle Associazioni Araldiche che li registrano nei loro Albi Privati, basandosi comunque sulle stesse regole dei 100 anni e tutto il resto (documenti, fama, costumi, non aver esercitato arti meccaniche, ecc.). Ovviamente non si tratta del Registro Araldico storico, vero e proprio, che come abbiamo detto in Italia non esiste più. Ribadiamo che si tratta di Associazioni Private che cercano di colmare un vuoto creatosi dalla poca lungimiranza della neonata Repubblica nel 1948, e non di un Ente di Stato autorizzato e unico. C’è anche chi ricorre alla registrazione del proprio stemma nell’ufficio araldico di uno Stato Straniero, come la Repubblica del Sudafrica, che ha valore in tutti i Paesi del Commonwealth, ma ovviamente non ce l’ha in Italia. In ogni caso si comparirà in armoriali moderni privati, che in futuro potrebbero avere un valore storico, come in fondo accadeva un tempo nell’Italia delle Signorie, prima dell’Unità del paese e la creazione della Consulta Reale.

 


 

ESEMPI DI STEMMI REALIZZATI E REALIZZABILI

 

stemma_araldico_personale_leoni

stemma_araldico_personale_alchemico_logo_profumeria
Stemma Araldico Personale e Logo per la Maison di Profumi Malbus Perugia 1416

stemma_araldico_cavaliere_repubblica_ordine_vittorio_veneto

Stemma Araldico di Cavaliere dell’Ordine Repubblicano di Vittorio Veneto

stemma_araldico_personale

Stemma Araldico di Famiglia di Distinta Civiltà

stemma_araldico_personale_con_gatti_esoterico

Stemma Araldico Personale ed Esoterico, con cornice barocca e due stemmi (un secondo stemma personale e uno stemma nobiliare di famiglia) pendenti dai festoni.

stemma_araldico_borghese_personale_logo_agriturismo

Stemma Araldico Borghese e Logo dell’Azienda Podere Il Poggetto del Chianti di Maria Cristina Grandi e Aldo Gottardo. Riferimenti antichi (la cartina medievale dell’Antica Badia a Montemuro dove si trova l’Azienda) e moderni (uno Schnauzer passante, cioè di profilo con una zampa alzata e tre poggianti per terra).

stemma_araldico_borghese_personale_pittorearaldico.it

stemma_araldico_confraternita_religiosa

Stemma per Confraternita con la Lancia di Longino nella forma della Lancia Sacra di Ottone I, simbolo del Sacro Romano Impero,
custodita presso la Schatzkammer dell’Hofburg di Vienna.

Stemma Araldico Personale da usare per Etichette per Azienda Agricola e Logo Etichette Olio

stemma_araldico_Logo_azienda


Richiedi un Preventivo seguendo questo link.

 

 

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva