LA REGOLA DI CONTRASTO DEI COLORI ARALDICI

Come abbiamo visto nella pagina sugli smalti e il metodo Pietrasanta, le tinture araldiche sono complessivamente 7 e si dividono in 2 Categorie, i Metalli rappresentati dall‘Oro e dall’Argento e Tinturei colori ovvero Rosso, Verde, Azzurro, Nero e Porpora.

regola araldica colori B


I Colori vengono scelti in base al loro significato araldico e alle proprie preferenze e simbolismi personali, ma il loro abbinamento deve seguire obbligatoriamente la cosiddetta «regola di contrasto dei colori1», che si esprime secondo questa semplice formula:

« MAI METALLO SU METALLO, NÉ COLORE SU COLORE »

Questa regola nacque dalla necessità di creare un netto contrasto tra i colori di uno stesso scudo, in modo che tutte le figure risultassero perfettamente leggibili. Serviva cioè a impedire che i colori chiari e pallidi dei Metalli venissero spenti e sovrastati dai toni più decisi, profondi e intensi delle Tinture.

In altre parole non bisogna mai mettere, Argento su Oro, o Azzurro su Verde, ma si possono combinare l’Oro o l’Argento con tutte e 5 le Tinture (Rosso, Azzurro, Verde, Nero, Porpora).

regola araldica colori A

 

Alcuni applicano questa regola anche alle partizioni per cui si consiglia sempre di cercare sempre di alternare un campo di  smalto e uno di metallo.

Ovviamente anche per questa Regola esistono eccezioni e trasgressioni.

Le trasgressioni riguardando blasoni irregolari, in genere antichi, tollerati perché si appellano a ragioni gloriose, mitiche o storiche.

Per quanto concerne le eccezioni è sufficiente ricordare che:

  1. Il Carnagione, il Colore al Naturale, il Campo di Cielo e le Pellicce (qualificate come “anfibie”) possono essere posti indifferentemente sopra o sotto un metallo o uno smalto;
  1. La regola riguarda ciò che «sopra» e non «a fianco», dunque riguarda i carichi (che vengono posti sul campo o su un altro carico) e non le partizioni che dividono un campo o un carico in zone adiacenti, ma considerate allo stesso livello;
  1. Le estremità e le appendici degli animali, vale a dire le unghie, i becchi, le lingue, gli artigli, le corna, le code, le corone, i collari, ecc. possono infrangere la regola ed essere Tintura sopra Tintura o Metallo sopra Metallo;
  1. La regola non si applica neanche ai dettagli colorati con un altro smalto e alle figure degli scudetti in cuore;
 

NOTE: 1Vedi L. TETTONI – F. SALDINI, Cenni Intorno all’Araldica, Vol. I (di VII), Lodi, per i Tipi di Cl. Wilmant e Figli, successori di Gio. Battista Orcesi, 1841; . Paragrafo Leggi Araldiche.

Torna alla HOME

Articoli sul mondo dell’Araldica. Continua >>

Opere in Vendita, Dipinti, Disegni, Calendari, Poster, ecc. Continua >>

 

Qualcosa su di Noi Continua >>